ISTITUTO SUPERIORE AECLANUM

Via Bosco Ortale, 21 – 83030 Mirabella Eclano (AV)

Dirigente: Prof. SABATO CENTRELLA

Liceo Scientifico – Lic. Sc. opzione Scienze Applicate  Mirabella Eclano (AV) Tel./Fax 0825449093

Liceo Classico Mirabella Eclano (AV) Tel/Fax 0825449080

Istituto Professionale per i Servizi Commerciali  Mirabella Eclano (AV) Tel. 08251643603

Istituto Tecnico: Indirizzo Commerciale – Indirizzo Liceo Musicale  Gesualdo (AV) Tel. 08251643525

Codice Meccanografico AVIS02700A – Codice fiscale 90015540645

Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF77TV

e-mail: avis02700a@istruzione.it     P.E.C.: avis02700a@pec.istruzione.it

Sito internet: www.istitutosuperioreaeclanum.it

Home L'Istituto Didattica Organizzazione Documenti Progetti Progetti Valutazione Multimedia Contatti

News Sedi P.O.F. Dirigente Reg Istituto P.O.N. Interni Didattica Foto DidUP Famiglia
Portale Argo Laboratori Orari Calendario Scol Cod. Disciplin P.O.R. DiversAbili AutoValutaz Link  
Albo Pretorio Indirizzi Statuto Stud. Piano Annuale Avvisi Pubblici P.O.R.2011 Fuori Aula Curricoli Foto Album
Gesualdo Libri di testo Risorse Umane Delibere Esterni Fuori Registro Patto Corresp  
Mirabella     Graduatorie Comenius        
L'Irpinia       Campania        

Progetti Interni

Progetti Interni 2012/2013

1. Accoglienza (prof. Sasso P. - Ambrosino M.)

            Il progetto è rivolto agli alunni delle classi prime dell’ISIS di Gesualdo e si propone le seguenti finalità:

·         facilitare il passaggio dei nuovi alunni dalla scuola secondaria di primo grado a quella di secondo grado;

·         contribuire ad evitare ansie e preoccupazioni dovute al cambiamento, al distacco, talvolta brusco, da abitudini di vita e relazioni;

·         creare nuovi rapporti e relazioni sociali;

·         adeguarsi a nuovi orari e ritmi di vita e di apprendimento;

·         superare il disagio che, a volte, comporta lo spostarsi in un altro comune;

·         prevenire o, almeno, ridurre il fenomeno dell'insuccesso o dell'abbandono precoce della scuola.

            Il progetto si svolge nel periodo che da dal mese di settembre al mese di novembre e prevede incontri con la d.s.; colloqui conoscitivi con i docenti; somministrazione di test d'ingresso; visita dei locali della scuola; uscite sul territorio; colloqui con i genitori.

 2. Orientamento (prof. Troisi G.)

            Orientamento in ingresso per gli alunni della scuola secondaria di primo grado - L’orientamento in ingresso si concretizza in una serie di attività promosse allo scopo di far conoscere il Piano dell’Offerta Formativa agli alunni delle scuole medie inferiori.

L’obiettivo che si propone è quello di:

·         Favorire una scelta consapevole dell’indirizzo della scuola secondaria superiore;

·         Fornire informazioni sul piano dell’offerta formativa;

·         Illustrare agli alunni gli sbocchi professionali e/o universitari.

            Le attività previste consistono nel:

1.      Preparare materiale informativo ed illustrativo 

2.      Organizzare incontri con gli alunni, i genitori ed i docenti preposti all’orientamento delle scuole secondarie di primo grado facendo intervenire anche alunni già diplomati che possano illustrare l’esperienza formativa vissuta sia nel contesto strettamente scolastico sia in quello extra-scolastico (stage aziendali fuori regione, all’estero ecc…)

3.      Organizzare attività di accoglienza con visite guidate presso le rispettive sedi dell’Istituto nonché di partecipazione ad attività di laboratorio. A tal fine si organizzeranno lezioni dimostrative in diversi ambiti, come ad esempio:

·         Lezioni pratiche nel laboratorio linguistico

·         Lezioni pratiche nel laboratorio d’informatica

·         Proiezione del video raffigurante le attività svolte durante uno stage dell’indirizzo sociale, con dimostrazione pratica degli alunni partecipanti.

 

Le attività si svolgeranno nell’arco di tempo che va dal mese di ottobre al mese di gennaio.

 

Orientamento per gli alunni del biennio

Il progetto si propone i seguenti obiettivi:

·         sostenere gli studenti in questa fase delicata di passaggio da un percorso scolastico/formativo ad un altro

·         aiutarli ad acquisire un’adeguata consapevolezza del ruolo dell’istruzione nel progetto della propria vita

·         farli acquisire una conoscenza più approfondita di se stessi, dei loro rapporti interpersonali e dell’ambiente in cui vivono

·         orientare gli studenti scarsamente motivati o a rischio di abbandono

 

            Le attività previste consistono nel:

·         individuare gli studenti a rischio, tramite i coordinatori di classe, la figura strumentale che cura i rapporti scuola-famiglia, la Dirigente Scolastica 

·         favorire incontri con gli alunni e con le famiglie 

·         favorire lo scambio di esperienze tra gli studenti delle prime classi e quelli delle ultime, dopo aver avviato un corso di formazione per studenti leader (Progetto Peer Education)

 

            Tra questi alunni del biennio, nel periodo che va da febbraio a maggio, verranno individuati coloro che necessitano  di supporto formativo, programmando interventi mirati alla risoluzione delle problematiche emerse utilizzando eventualmente le risorse del territorio.


            A proposito della Peer education, occorre dire che trattasi di una metodologia che consiste in una forma diversa di intervento rivolta alla popolazione giovanile, basata sul coinvolgimento diretto degli stessi alunni. Il progetto consente di attivare un cambiamento comportamentale attingendo alle risorse e alle caratteristiche specifiche del gruppo dei pari.

            La peer education prevede un percorso formativo per studenti tutor, i quali saranno avviati alla funzione di informatori rispetto ai loro pari. ----

 

Gli obiettivi sono quelli di:

·         promuovere le potenzialità dei giovani in quanto individui capaci di fornire un valido contributo sociale;

·         migliorare la rete delle relazioni tra pari;

·         offrire un punto di riferimento costante con cui i più giovani (studenti del 1° anno scolastico) possano confrontarsi;

·         contrastare il rischio di disagio giovanile;

·         migliorare la produttività scolastica;

·         sviluppare il senso di appartenenza all’Istituzione scolastica:

 

Orientamento in uscita-alunni

            L’orientamento in uscita si concretizza in una serie di attività promosse allo scopo di costruire un concetto di sé degli allievi delle classi terminali, aiutandoli a definire la loro identità, i valori e gli interessi. L’obiettivo è quello di ridurre la distanza tra la scuola ed il mondo del lavoro nella percezione degli studenti, rendendoli consapevoli delle professionalità richieste oggi e collegando conoscenze e competenze alle specifiche attività lavorative.

 

Gli obiettivi che il progetto si propone sono quelli di:

·         sostenere il giovane nelle proprie scelte di vita.

·         trasmettere informazioni riguardanti le offerte formative, i servizi e le opportunità forniti dagli Atenei, delle Accademie.

·         informare/orientare sui corsi di specializzazione e di Istruzione Formazione Tecnica Superiore (IFTS) e sui corsi para-universitari.

·         favorire e facilitare l’ingresso al mondo del lavoro (tecniche e strumenti di ricerca del lavoro, Agenzie Interinali, corsi di formazione, sportello tirocini e stage, ecc)

 

Le attività previste consistono nel:

·         Somministrare questionari per la valutazione degli interessi

·         Partecipare alla manifestazione “Campus Orienta”: il salone dello studente di orientamento agli studi e alla formazione

·         Tenere i contatti con le Università

·         Organizzare incontri di orientamento presso e Università statali di Fisciano e Benevento

·         Fornire materiale informativo, acquisito da fonti ufficiali cartacee e on-line, su corsi di laurea tenuti anche da altri Atenei italiani

·         Organizzare incontri con esperti

·         Incentivare gli studenti a partecipare a conferenze e seminari tematici di approfondimento, indetti dalle Università per far conoscere i loro percorsi formativi

·         Organizzare incontri individuali o per piccoli gruppi di interesse specifico con gli esperti di Informa giovane

·         Organizzare incontri con gli operatori delle Agenzie per il lavoro 

·         Far conoscere le opportunità legate alla carriera militare e al Volontariato

 

3. Torniamo alla filosofia per dare senso al mondo (Ref. prof. De Vizia)

Il progetto prevede incontri degli alunni con la dirigente scolastica sulle tematiche del nostro tempo, con riferimento a filosofi del mondo antico e dell’età contemporanea.

Il periodo di attuazione è compreso tra i mesi di novembre e maggio.

 4. Sicurezza (Ref. D.S. e Responsabile della sicurezza)

             Il progetto ha come obiettivo la formazione degli alunni, del personale docente e del personale A.T.A. così come indicato dalla normativa relativa alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Sono previste le seguenti attività: predisposizione del documento di valutazione dei rischi e dello stresso nell’istituzione scolastica; analisi della normativa; prove di evacuazione; piano di sicurezza; simulazione pronto intervento; visite specialistiche a cura del medico competente.

  5. Tutoring e mentoring (prof. Troisi G. e Mannetta U.)

            Il tutoring (tutoraggio) ha come obiettivo la creazione nei curricoli disciplinari di attività per gli alunni in difficoltà attraverso l’azione formativa di due docenti all’interno del gruppo classe realizzando attività formativa per aree disciplinari. Il gruppo classe, diviso in sottogruppi di livello, praticherà la didattica laboratoriale, ogni gruppo in rapporto ai propri livelli di competenza approfondirà, potenzierà e recupererà percorsi cognitivi. Il progetto tutoraggio sarà integrato con il progetto flessibilità; coinvolgerà tutte le classi e verrà realizzato tra i mesi di novembre e maggio.

            L’obiettivo principale del progetto mentoring è quello di favorire negli alunni più deboli un migliore orientamento nelle singole discipline fornendo loro strumenti e supporti adeguati attraverso un intervento didattico personalizzato ed un rapporto più diretto con il docente. Per ogni gruppo di alunni individuati dal relativo Consiglio di Classe e per le materie che necessitano di intervento personalizzato, saranno previste delle ore di lezione durante l’orario curricolare ma al di fuori dell’aula. I destinatari saranno gli alunni delle classi prime, seconde, terze e quarte. Il progetto si svolgerà nell’arco di tempo compreso tra i mesi di novembre e maggio.

 6. Flessibilità (prof. Troisi G.)

            La flessibilità dell’orario delle lezioni mira ad integrare i curricoli con i corsi PON, con i percorsi di recupero e di sostegno, a consentire l’alternanza scuola-lavoro attraverso stage formativi in azienda. La flessibilità è funzionale alle attività integrative fuori aula e fuori registro; rende possibile l’attività di tutoraggio per i piani di formazione individualizzati; facilita i percorsi formativi degli alunni diversamente abili con i docenti di sostegno. L’orario di lezione, strutturato per discipline, in base al principio di flessibilità subisce delle modifiche per le attività anche di tutoraggio, organizzate per aree disciplinari, finalizzate a recuperare il disagio cognitivo delle discipline linguistiche e scientifiche. Tutti i docenti sono coinvolti nel progetto flessibilità che sarà realizzato per l’intero anno scolastico. Il prodotto finale prevede il successo formativo di tutti gli studenti

 7. Il quotidiano in classe (prof. Coscia M. - Sasso P. - Ambrosino M.)

            Il progetto, rivolto a tutti gli alunni dell’ISIS, mira a soddisfare, attraverso la lettura e la stesura di articoli, la reale esigenza degli alunni di conoscere la realtà quotidiana, con la collaborazione degli insegnanti. Le finalità sono quelle di:

·         stimolare l’interesse per i problemi della società attuale;

·         favorire la riflessione e la consapevolezza delle proprie idee;

·         promuovere lo scambio culturale e comprendere come il web possa essere uno strumento piacevole per apprendere;

·         favorire lo sviluppo di una coscienza critica;

·         consolidare le capacità di lettura e scrittura;

·         acquisire la capacità di esprimere liberamente la propria opinione argomentandola;

·         esprimere il pensiero critico e il giudizio morale di fronte a fatti e situazioni.

Le attività saranno svolte nel corso dell’intero anno scolastico e prevedono:

·         la connessione al sito de “Il quotidiano in classe” per conoscere la tematica settimanale su cui discutere, per la visione dei filmati trasmessi, per l’ascolto della presentazione degli argomenti da trattare, per le ricerche per l’approfondimento, per la partecipazione al blog del sito;

·         la lettura ed il commento degli articoli sulle copie cartacee dei quotidiani;

·         la produzione scritta e la sintesi delle riflessioni emerse.

 8. Reporter (prof. D’Ambrosio V.)

            Il progetto, rivolto agli alunni delle prime classi dell’ Istituto Professionale di Mirabella Eclano, propone la realizzazione di un giornalino scolastico. Esso realizza un’attività efficace per uniformare la molteplicità degli interessi, promuovere la creatività e dar voce agli alunni, per una partecipazione serena e responsabile alla vita scolastica. Inoltre, favorisce lo sviluppo delle capacità di progettare, discutere e lavorare in gruppo; rende consapevoli gli alunni delle peculiarità e delle forme del linguaggio giornalistico; avvia ad una riflessione sull’importanza e il condizionamento dei mass-media.

Le attività previste sono:

·         Lavoro di redazione

·         Laboratorio di scrittura giornalistica

·         Esame e struttura di un giornale

·         Differenze tra linguaggio e le caratteristiche della carta stampata e la comunicazione multimediale

·         Stesura di articoli al computer

·         Visita redazionale giornale provinciale

Il periodo di svolgimento è compreso tra i mesi di febbraio e maggio, per un totale di 20 ore, suddivise in incontri di due ore a settimana.

9. “Scuola Di Memoria” da Auschwitz a Palermo (prof. Cillo M.)

            In questi anni è stata fatta molta celebrazione della memoria, spingendola verso la retorica, piuttosto che immaginare un percorso di reale conoscenza, non solo storica o emotiva, ma di una vera attualizzazione. Attraverso il progetto “Scuola di memoria, da Auschwitz a Palermo” la parola memoria non verrà intesa solo nella dimensione del ricordo della Shoah, ma anche di tutte le vittime delle mafie e del terrorismo.

 

            Gli studenti che parteciperanno al corso, della durata complessiva di 10 ore, adotteranno un cittadino italiano di religione ebraica, deportato il 16 ottobre del 1943, e ne scopriranno la vita o la morte sul piazzale di Auschwitz Birkenau, intraprendendo un viaggio che li riporterà a casa completamente trasformati

            Il progetto è concepito come un viaggio nella memoria della storia del ‘900, in particolare tra la prima e la seconda guerra mondiale. Le tappe che nel corrente anno scolastico verranno proposte agli studenti che parteciperanno al progetto saranno:

·         18 – 21 gennaio 2013 Auschwitz

·         16 marzo 2013 Firenze, XVIII giornata della memoria e dell’impegno per le vittime delle mafie

·         22 – 24 maggio Palermo: Nave della legalità per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Esso si propone i seguenti obiettivi:

·         Conoscere le caratteristiche principali, dal punto di vista politico sociale e culturale del momento storico della Shoah;

·         Ricercare gli aspetti che fanno di quella storia un luogo da cui apprendere e dal quale sentirsi chiamati alle proprie responsabilità;

·         Costruire collegamenti di senso e progettuali tra quel periodo storico e il tempo di oggi;

·         Individuare le forme e gli oggetti del nostro essere cittadini responsabili;

 10. Alternanza Scuola-Lavoro per gli alunni diversamente abili (prof. Galasso M.N. - Pedrini E. - Grillo A.)

            Il progetto, rivolto agli alunni diversamente abili, nasce con lo scopo di realizzare un percorso di orientamento al lavoro che prevede una graduale presa di coscienza, da parte dell’alunno, delle sue potenzialità e del futuro ruolo di lavoratore.

Gli obiettivi che esso principalmente si propone sono quelli di:

·         far acquisire una maggiore autonomia e competenza;

·         far conoscere la realtà lavorativa del territorio;

·         far verificare le proprie potenzialità, abilità, e predisposizioni verso il mondo lavorativo;

·         stimolare l’attenzione;

·         creare nuovi canali di scambio comunicativi e relazionale tra pari;

·         far eseguire autonomamente semplici mansioni;

·         far conoscere il proprio paese ed i servizi che offre;

·         sviluppare il senso di responsabilità

Il progetto prevede lo svolgimento delle attività nel periodo che va da novembre a maggio.

11. Integrazione sul lavoro d’aula (prof. Galasso M.N. - Pedrini E. - Grillo A.)

            Il progetto, rivolto agli alunni diversamente abili, nasce con l’obiettivo di potenziare e/o sviluppare le competenze di base degli alunni diversamente abili al fine di migliorare e/o stimolare la capacità di comunicazione e di promuovere l’acquisizione di un sufficiente grado di autonomia sociale.

Il progetto si realizzerà nel periodo che va dal mese di novembre e fino al termine delle attività didattiche.

Progetti Interni 2011/2012

1. Accoglienza. (Ref. Prof.ssa Sasso P. e prof. Petrillo A.)         

            Il progetto è rivolto agli alunni delle classi prime dell’ISIS di Gesualdo. Si pone la finalità di facilitare il passaggio dei nuovi alunni dalla scuola secondaria di primo grado a quella di secondo grado; contribuire ad evitare ansie e preoccupazioni dovute al cambiamento, al distacco, talvolta brusco, da abitudini di vita e relazioni; creare nuovi rapporti e relazioni sociali; adeguarsi a nuovi orari e ritmi di vita e di apprendimento. superare i disagi che, a volte, comporta spostarsi in un altro comune; prevenire o, almeno, ridurre il fenomeno dell'insuccesso o dell'abbandono precoce della scuola.

            Il progetto si svolge nel periodo che da dal mese di settembre al mese di novembre e prevede incontri con la d.s.; colloqui conoscitivi con i docenti; somministrazione di test d'ingresso; visita dei locali della scuola; uscite sul territorio; colloqui con i genitori.

2. Orientamento (Ref. Prof.ssa Tomasetti S. e prof. Buonopane P.)

            Orientamento in entrata-alunni - L’orientamento in entrata si concretizza in una serie di attività promosse allo scopo di far conoscere il Piano dell’Offerta Formativa. L’obiettivo è quello di garantire un’adeguata informazione presso gli alunni delle scuole medie per una scelta consapevole dell’indirizzo di scuola superiore. Visite nelle scuole medie del territorio da parte dei docenti orientatori. Le attività prevedono incontri con studenti e genitori presso le scuole medie del territorio, possibilmente in concomitanza con gli incontri scuola-famiglia programmati; Incontri con studenti e genitori presso il nostro istituto nel giorno di Scuola Aperta previsto nel mese di gennaio. Le attività previste dal progetto si svolgeranno nell’arco di tempo che va dal mese di settembre al mese di febbraio.

 

            Orientamento in uscita-alunni - Si prevedono visite degli alunni delle classi quinte presso alcuni atenei regionali ed eventuali visite guidate presso aziende; sono previsti, inoltre, incontri degli alunni delle classi quinte, nel nostro Istituto, con i rappresentanti delle Forze Armate, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Marina e con esperti del Centro per l’Impiego di Grottaminarda. Sono, inoltre, previste visite aziendali locali.

            Le attività previste dal progetto si svolgeranno nell’arco di tempo che va dal mese di ottobre al mese di maggio.

 

            L’orientamento in uscita si concretizza in una serie di attività promosse allo scopo di costruire un concetto di sé degli allievi delle classi terminali, aiutandoli a definire la loro identità, i valori e gli interessi. L’obiettivo è quello di ridurre la distanza tra la scuola ed il mondo del lavoro nella percezione degli studenti, rendendo consapevoli gli allievi delle professionalità richieste oggi e collegando conoscenze e competenze alle specifiche attività lavorative.

            Sono previste visite presso gli Atenei di Benevento, Fisciano, Napoli; incontri con i rappresentanti delle Forze Armate e dell’Ente Nazionale di Servizio Civile; visite aziendali; seminari interattivi con esperti della formazione professionale per studenti. Le attività previste dal progetto si svolgeranno nell’arco di tempo che va dal mese di settembre al mese di maggio

3. Programmare, insegnare e valutare per competenze (Ref. Prof.ssa Tomasetti S. e prof. Buonopane P.)

             Il progetto ha come obiettivo la formazione dei docenti finalizzata alla costruzione di unità di lavoro esemplari nell'ottica della didattica per competenze

Il progetto prevede un corso, tenuto da un esperto esterno, da svolgersi nel mese di marzo per la durata di 10 ore.

4. Continuità ed orientamento nell’era digitale (Ref. Prof.ssa Tomasetti S. e prof. Di Blasi E.)

 Il  progetto, da realizzarsi presso l’ITC di Gesualdo, si pone lo scopo di collaborare con le scuole medie tramite lezioni di informatica tenute nel laboratorio della scuola. Sono previste 10 ore di lezione pomeridiane.

 5. Torniamo alla filosofia per dare senso al mondo (Ref. D.S. Prof.ssa De Vizia F.)

Il progetto prevede incontri degli alunni con la dirigente scolastica sulle tematiche del nostro tempo, con riferimento a filosofi del mondo antico e dell’età contemporanea. Il periodo di attuazione è compreso tra i mesi di novembre e maggio per complessive 45 ore.

6. Sicurezza (Ref. Dirigente Scolastico e Responsabile della sicurezza)

             Il progetto ha come obiettivo la formazione degli alunni, del personale docente e del personale A.T.A. così come indicato dalla normativa relativa alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Sono previste le seguenti attività: predisposizione del documento di valutazione dei rischi e dello stresso nell’istituzione scolastica; analisi della normativa; prove di evacuazione; piano di sicurezza; simulazione pronto intervento; visite specialistiche a cura del medico competente.

7. Prima il patentino e poi il motorino (Ref. Prof. Petrillo Antonio)

            Il progetto è finalizzato al conseguimento del patentino per gli alunni del biennio. Il corso si articola in due moduli: “Educazione alla convivenza civile” in orario curricolare e “Educazione stradale” in orario pomeridiano. Le attività previste dal progetto si svolgeranno nei mesi di marzo ed aprile.

8. Tutoring e Mentoring (Ref. Prof.ssa Troisi G. e prof. Mannetta U.)

 

            Per favorire il successo formativo, l’Istituto offre agli studenti in difficoltà un servizio di sostegno e di recupero per permettere loro di raggiungere gli obiettivi minimi, indispensabili al proseguimento degli studi.

 

            Il tutoring (tutoraggio) ha come obiettivo la creazione nei curricoli disciplinari di attività per gli alunni in difficoltà attraverso l’azione formativa di due docenti all’interno del gruppo classe realizzando attività formativa per aree disciplinari. Il gruppo classe, diviso in sottogruppi di livello, praticherà la didattica laboratoriale, ogni gruppo in rapporto ai propri livelli di competenza approfondirà, potenzierà e recupererà percorsi cognitivi. Il progetto tutoraggio sarà integrato con il progetto flessibilità; coinvolgerà tutte le classi e verrà realizzato tra i mesi di novembre e maggio.

9. Mentoring (Ref. Prof.ssa Troisi G. e prof. Mannetta U.)

            L’obiettivo principale del mentoring è favorire negli alunni più deboli un migliore orientamento nelle singole discipline fornendo loro strumenti e supporti adeguati attraverso un intervento didattico personalizzato ed un rapporto più diretto con il docente. Per ogni gruppo di alunni individuati dal relativo Consiglio di Classe e per le materie che necessitano di intervento personalizzato, saranno previste delle ore di lezione durante l’orario curricolare ma al di fuori dell’aula. I destinatari saranno gli alunni delle classi prime, seconde, terze e quarte. Il progetto si svolgerà nell’arco di tempo compreso tra i mesi di novembre e maggio.

10. Flessibilità (Ref. Prof.ssa Troisi G.)

            La flessibilità dell’orario delle lezioni mira ad integrare i curricoli con i corsi PON, con i percorsi di recupero e di sostegno, a consentire l’alternanza scuola-lavoro attraverso stage formativi in azienda. La flessibilità è funzionale alle attività integrative fuori aula e fuori registro; rende possibile l’attività di tutoraggio per i piani di formazione individualizzati; facilita i percorsi formativi degli alunni diversamente abili con i docenti di sostegno. L’orario di lezione, strutturato per discipline, in base al principio di flessibilità subisce delle modifiche per le attività anche di tutoraggio, organizzate per aree disciplinari, finalizzate a recuperare il disagio cognitivo delle discipline linguistiche e scientifiche. Tutti i docenti sono coinvolti nel progetto flessibilità che sarà realizzato per l’intero anno scolastico. Il prodotto finale prevede il successo formativo di tutti gli studenti.

11. Il quotidiano in classe (Ref. Prof. Petrillo A.)

            Il progetto mira a soddisfare, attraverso la lettura e la stesura di articoli, la reale esigenza degli alunni di conoscere la realtà quotidiana, con la collaborazione degli insegnanti. Le finalità sono quelle di:

·         Imparare a leggere i giornali e le notizie

·         Comprendere le problematiche sociopolitiche ed economiche del nostro tempo

·         Favorire una scrittura viva e comunicativa, facilitando la scrittura di articoli

·         Favorire l’aggiornamento degli insegnanti nel settore della comunicazione.

12. Alla scoperta del territorio con un click (Ref. Prof. Buonopane P. e D’Ambrosio V.)

            Il progetto, rivolto agli alunni di tutte le classi, prevede obiettivi specifici per ogni ambito disciplinare e mira alla realizzazione di una guida turistica del territorio.

 PER EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE: creare apertura e interesse verso la fotografia e l'arte in generale; potenziare l'osservazione ed acquisire i primi elementi di lettura del linguaggio visivo e di composizione dell'immagine; sviluppare la creatività trovando soluzioni originali e diverse.

PER STORIA: utilizzare la fotografia quale documento storico per leggere il territorio come fonte di informazione del nostro passato e del tempo in cui viviamo. Far comprendere l’importanza storica del nostro paese e apprezzarne e valutarne i beni culturali. Promuovere il rispetto per la cura delle cose.

PER GEOGRAFIA: utilizzare la fotografia quale strumento di indagine e di rilevamento per approfondire la conoscenza dell'ambiente antropico e naturale.

PER TECNOLOGIA ED INFORMATICA: conoscere e utilizzare la tecnologia informatica, in particolare la macchina digitale.

Il progetto prevede l’esposizione dei risultati di questo percorso in una mostra fotografica che sarà allestita nella scuola alla fine di quest’anno scolastico. Al termine del progetto sarà creato un prodotto finale sotto forma  di cd-rom che raccoglierà tutto il lavoro effettuato. Si prevede, inoltre, la realizzazione in Powerpoint di un itinerario turistico di Mirabella Eclano, che sarà pubblicato sul web della scuola. Il progetto ha una durata biennale. Il progetto sarà realizzato a partire dal mese di dicembre e terminerà nel mese di maggio.

13. Integrazione sul lavoro d’aula (Ref. Prof.ssa Mazza M. prof.ssa Ambrosino M., prof. Petrillo A., Educatrice OSA Barletta)

            Il progetto nasce con l’obiettivo di migliorare le capacità e le competenze degli alunni diversamente abili attraverso un supporto di tipo didattico effettuato dalle Educatrici e dagli Operatori-Socio-Assistenziali svolto di concerto con i docenti curricolari e di sostegno, concordando programmi educativi e attività didattiche. Il supporto educativo sarà espletato per un minimo di tre ore al giorno, all’interno delle classi assegnate a ciascun operatore, provvedendo alla copertura delle ore di assenza dei docenti di sostegno. Si intende consentire agli alunni, attraverso un lavoro di semplificazione, la comprensione facilitata delle attività svolte in classe. Gli operatori cercheranno di stimolare l’attenzione degli allievi, supportandoli e motivandoli nel lavoro. Il progetto si realizzerà nel periodo che va dal mese di ottobre e fino al mese di maggio.

 
Istituto Statale di Istruzione Superiore AECLANUM - Via Bosco Ortale, 21 - 83030 Passo di Mirabella Eclano (AV) - e-mail: avis02700a@istruzione.it